Addio Wordpress, addio vecchio dominio...

Addio Wordpress, addio vecchio dominio...

...benvenuto Ghost, benvenuto nuovo dominio!

Ho tentato la via del blogging varie volte, ma non è mai andata veramente come speravo.
Ho provato varie piattaforme, tipo Blogger e Medium, e, un anno fa, ho deciso di investire dei soldini per tirar su un blog come si deve, con dominio personalizzato e Wordpress.
Non avevo molte competenze tecniche, o meglio, ne avevo meno di adesso, per cui ho optato per le soluzioni rapide e indolori, ovvero dominio su GoDaddy e web hosting su Siteground.  

Mi sono trovato abbastanza bene, con 60-70€ di spesa ho acquistato dominio e hosting. Non ho scritto quanto avrei voluto, ma mi sono divertito, ho imparato alcune cose e le messe in pratica. È passato un anno e quindi dovrei rinnovare il pacchetto completo, ma la crifra che mi è stata richiesta è troppo alta per i miei gusti:

Troppo...quasi 200€ per uno strumento che utilizzo come sfogo, come divertimento e come mezzo per apprendere qualcosa di nuovo, ma non in maniera continuativa. Inoltre, non navigo nell'oro. Sigh.

E quindi?

E quindi ho deciso di spostare tutto da un'altra parte, con una fresh start (non so nemmeno se importerò qualche articolo dal mio vecchio blog).
Ho preso un VPS su Hetzner, un dominio su Porkbun e ho tirato su una Debian pulita, installandoci Apache e poi Wordpress. Ci ho pasticciato un po', ho configurato l'HTTPS, non senza bestemmie, e ho fatto tantissimo casino coi permessi delle directory. ZAC, ho brasato tutto, fatta un nuovo VPS e installato, stavolta con Ubuntu, di nuovo Wordpress. Poi ho pensato che un tale Gabriele, che seguo su Twitter e su altri canali, aveva tirato su un blog su AWS con Ghost, che ha migrato, per questione di costi, su Hetzner. Ho preso spunto (per la seconda volta, se i lettori sono stati attenti) da quell'articolo e mi sono detto "perché non provare Nginx?".

Ed ecco il risultato!

Ghost è bellissimo: la guida per configurarlo su Ubuntu è banale e veloce, settare l'HTTPS è una stupidata da pochi minuti (scordatevi i dannati Virtual Host) e il certificato è fornito da Let's Encrypt! ❤

Adesso dovrò prendere un po' la mano con Nginx e Ghost, capire come funzionano e se devo settare e modificare altro. Per ora però, son felice di aver fatto questo passo.